Decreto Cura Italia: Divieto di licenziamento retroattivo a partire dal 23 febbraio 2020

Decreto Cura Italia: Divieto di licenziamento retroattivo a partire dal 23 febbraio 2020

Il Decreto “Cura Italia” nell’ambito delle varie disposizioni a favore di lavoratori e imprese colpiti dall’emergenza Covid-19 è intervenuto anche in tema di licenziamenti, andando a tutelare i dipendenti licenziati dopo il 23 febbraio.

Il Decreto stabilisce che:

a partire dal 17 marzo fino al 15 maggio non possono essere avviate procedure di licenziamento collettivo (si tratta di licenziamenti che riguardano più di 5 dipendenti nella stessa azienda);

le procedure di licenziamento collettivo avviate dopo il 23 febbraio sono sospese;

i licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo sono vietati fra il 17 marzo ed il 15 maggio e le procedure di licenziamento individuale avviate dopo il 23 febbraio sono considerate nulle.

Allo stesso tempo, poiché i periodi di quarantena o malattia dipendenti da contagio da Coronavirus non possono essere conteggiati ai fini del periodo di comporto, sono vietati anche i licenziamenti per superamento del periodo di comporto se la malattia deriva da Coronavirus.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...